PRIMARIE … Ma quale cambiamento, la maggioranza del popolo italiano si è assuefatto alle supposte nel deretano ! … Per un cambiamento vero dovremo arrivare molto più in la della fame …

09.12.2012 di noi che ne abbiamo le scatole piene.

Basta sedersi in un bar qualsiasi e restare ad ascoltare i discorsi delle persone, il 99% di questi sono per le troppe tasse, la politica corrotta, il problema sempre più diffuso di arrivare alla fine del mese, la voglia di prendere a calci in culo questi politici e le soluzioni che durante questi discorsi vengono proposte sono a dir poco sconvolgenti, c’è chi li vorrebbe uccidere tutti, chi li rinchiuderebbe in un carcere a pane ed acqua, chi li manderebbe tutti in miniera e sarebbe curioso di vederli loro a vivere con 1.000 euro al mese.

E se si prova ad entrare in questi discorsi, se si prova a dir loro che per cambiare bisogna che tutto il popolo unito deve ribellarsi a questa classe politica, che tutto il popolo unito deve con il voto eliminare questa casta di rè che stanno mangiandosi il paese, che dipende soprattutto da noi se questo paese cambierà beh, ci si sente dar ragione ma d’improvviso il discorso passa dalla politica al calcio, ai motori fino ad arrivare alle donne se il tavolo è maschile.

Se si spronano le persone a far qualcosa emerge forte la rassegnazione che sembra aver colpito gli italiani.

“tanto alla fine non cambia niente” oppure “noi possiamo votare chi vogliamo ma alla fine vincono sempre loro”, e queste son le risposte più frequenti che ti senti dare dalle persone un po’ in su con gli anni, perché se invece le risposte arrivano dai giovani (e questa è la parte più preoccupante) è facile sentirsi dire “a me della politica non me ne frega niente” o “io di politica non ne capisco nulla”.

Ed intanto i vecchi partiti sono in fermento, stanno quatti quatti organizzando il terreno per le prossime elezioni.

Lo stanno facendo nel solito modo, basta pensare che tra pochi mesi andremo a votare e ancora oggi gli italiani non possono sapere quali saranno le regole per queste elezioni, la legge elettorale che da un anno è in procinto di arrivare non è ancora stata approvata (troppo lavoro per questi signori), le discussioni in corso in merito a questa legge sono molto serrate ma siamo sicuri che alla fine le nostre grandi menti politiche riusciranno a partorire una legge che permetterà loro di restare ben ancorati alle loro poltrone.

Torneremo a votare con la legge elettorale delle ultime elezioni e come in quelle andremo a votare per due o tre schieramenti che non presenteranno nemmeno un programma chiaro di come vogliono risolvere i problemi del paese, la destra contro i comunisti mangiabambini e la sinistra contro l’Iron Man di Arcore padrone assoluto della destra.

Stanno riverniciando la facciata delle loro sedi, cambiando i nomi dei loro partiti; si presentano alle interviste con la faccia preoccupata, la faccia di chi ha a cuore il futuro dell’Italia, nei loro discorsi hanno le soluzioni per risollevarci dalla brutta via nella quale loro stessi ci hanno cacciati e ce le raccontano senza nemmeno vergognarsi, ci dicono che le scelte del Governo Monti non sono da loro pienamente condivise sapendo benissimo che queste scelte le hanno votate loro (destra, centro e sinistra), la strada del rigore duro che questo governo ha e sta percorrendo ottiene ogni volta il consenso di tutti questi partiti che poi attraverso i loro portavoce in tutte le televisioni ci raccontano di come questo rigore sia sbagliato.

Arriveranno poi a togliere la fiducia a questo governo perché colpevole di scelte sbagliate verso il popolo, scelte che loro stessi hanno votato

È sempre la solita storia insomma, ci prendono per il c**o (sedere) sapendo che noi intanto non reagiremo, sapendo che ci potranno infilare tutte le supposte che vorranno che al massimo noi potremo solo iniziare a provar piacere.

Destra, sinistra e centro SONO TUTTI UGUALI, sono uno contro l’altro ma coesi affinchè nessuno che non sia della loro banda entri nei palazzi del potere.

Questa supremazia si sta piano piano sgretolando, ma troppo lentamente ed il paese avrebbe  bisogno di liberarsi da questa cricca di incapaci (o capaci solo per loro) molto più velocemente.

Nella destra regna il caos più assoluto, ancora oggi nessuno sa cosa succederà, tra primarie si e primarie no stiamo assistendo ad una telenovela che fa solo emergere quanto sia dittatoriale la presenza del signore di Arcore, è bastato infatti un suo ripensamento non ancora ufficiale perché una ventina di candidati si ritirassero senza permettersi di aprire bocca.

Nella sinistra invece siamo già alla scelta del candidato e qui c’è molto da dire.

Cinque candidati, sono stati presentati come i fantastici cinque e sulla rete li abbiamo visti persino nei panni di super eroi: Bruno Tabacci – Silver Surfer, Matteo renzi – l’Uomo Torcia, Nichi Vendola – Mister Fantastic, Laura Puppato – la Donna Invisibile e Pier Luigi Bersani – La Cosa.

Cinque candidati che vorrebbero pensare e anche risolvere i problemi di tutti noi italiani.

Bene io inizierei da qui, dal perché NESSUNO DI LORO e dico nessuno (nemmeno il rottamatore di Firenze) si è opposto al far pagare 2 euro per quei cittadini ( che per me andrebbero presi a calci nel sedere, se ne stavano tutti a casa  e la domenica dopo avrebbero votato gratis) che dovevano votarli?

Se consideriamo la tragica situazione verso la quale il nostro paese sta andando, se pensiamo che il solo PD ha dai suoi bilanci un attivo di 50 MILIONI DI EURO, che questi partiti già beneficiano (rubano contro la volontà popolare) dei rimborsi elettorali, era proprio così grande il bisogno di spennare ancora gli elettori ?

Questo testimonia quello che noi siamo per loro, polli da spennare per continuare a godere di un esistenza agiata, 3.500.000 persone si sono recate a votare questi cinque super eroi, io mi immagino anche chissà quanti volontari hanno messo a disposizione il proprio tempo per la causa, si, la causa di raccogliere in un solo giorno 7.000.000 milioni di euro (14 miliardi di vecchie lire che risolverebbero i problemi di tante persone) per rendere ancora più gonfio il conto in banca di questi partiti.

Loro come al solito si son dimostrati scaltri nel pensare al loro tornaconto, ma VOI italiani che vi siete recati a votarli, oltre alla supposta che vi hanno infilato, pensateci, un bel calcio in c**o (sedere) ve lo meritereste ne ?

E da queste elezioni primarie che cosa ne è uscito ?

Solo la stupidità di un popolo al quale anche se gli viene offerta la possibilità di cambiare non lo fa.

Renzi, Vendola, capaci o non capaci non lo vogliamo discutere ma che siano il nuovo della politica di sinistra non lo si può certo mettere in dubbio e se un cambiamento ci deve essere loro  erano i cavalli su cui puntare.

Bene ha vinto Bersani, l’esempio, l’emblema della vecchia politica, ha vinto un politico che da più di dieci anni è seduto sulle comode poltrone romane, ha vinto un politico che in dieci anni è riuscito ad essere minoranza e maggioranza in quella politica senza concludere niente.

Ha vinto di nuovo il vecchio, e con lui Rosi Bindi, D’Alema e compagni che ora inizieranno a dire a voi  che fate fatica ad arrivare a fine mese che cambieranno modo di fare politica, che colpiranno i ricchi per salvare i poveri e tanti altri bla bla ….

Non cambierà nulla, loro continueranno a vivere da nababbi con i loro stipendi da super manager, con i soldi dei rimborsi elettorali, con i vitalizi, tutte cose che anche se siamo in un periodo di grande crisi si son ben guardati dal togliersi.

Continueranno a vivere anche con i due euro che vi hanno pelato a queste primarie.

Avanti così, ostriche e champagne per quella classe dirigente che vi spiegherà perché dovete fare i vostri sacrifici, avanti così italiani popolo di pecore, popolo di m***a, pagate e state zitti, anzi peggio ancora, continuate a dirvi tra voi che così non si può continuare ma tenete sempre pronta una monetina perché di primarie ce ne saranno ancora, siamo in democrazia (ahahahahahah) STRONZI.



Lascia un commento